• 0971 1746308 - 0971 55823
  • info@maldiviaggi.com

Kazakistan: lo splendido lago con la foresta sommersa

Kazakistan: lo splendido lago con la foresta sommersa

Un luogo insolito, surreale, quasi magico: nella regione di Almaty, in Kazakistan, ci si può immergere in una bellissima foresta sommersa. Il lago Kaindy, a duemila metri sopra il livello del mare, si è formato dopo un terremoto nel 1911 ed oggi è diventato un’attrazione turistica

Uno scorcio sottomarino

l lago Kaindy è uno specchio d’acqua dolce che si trova fra i monti Tian Shan, a poco meno di duemila metri sopra il livello del mare, nella regione kazaka di Almaty. È diventato un’attrazione turistica per le sue acque cristalline ma soprattutto per gli alberi sommersi, una vera e propria foresta di abeti rossi perfettamente conservata. Si è formato dopo un forte terremoto (7.7 sulla scala Richter), nel 1911, che ha provocato una frana calcarea. L’evento ha cambiato completamente la morfologia della catena montuosa, creando una diga naturale, riempitasi, nel corso degli anni, dall’acqua piovana.

Dozzine di alberi continuano ancora oggi a resistere sottacqua, con i loro rami e i tronchi quasi intatti. Gli alberi, infatti, sono stati conservati a causa dell’acqua freddissima. Questo luogo, dicono dall’Ufficio turistico di Almaty, è diventato parecchio popolare soprattutto tra i subacquei che desiderano immergersi in un’oasi sottomarina piena di lussureggianti resti di foresta. «In estate arrivano turisti persino a fare il bagno» spiega la guida del parco Duman Dukenbaev.

I giochi di colori del lago Kaindy, in Kazakistan
Il lago Kaindy misura circa 400 metri di lunghezza; in alcune parti è profondo quasi 30 metri. La temperatura dell’acqua, in estate, fatica a raggiungere i 6 gradi, mentre in inverno scende a meno 3 gradi. Il lago è noto anche per i suoi colori vivaci, che passano dal turchese al verde smeraldo – a seconda della luce e della stagione – grazie ad una varietà di minerali come il calcare, che si sono depositati nell’acqua nel corso del tempo. Si trova a circa 14 chilometri dai famosi laghi di Kolsai, all’interno dell’omonimo Parco Nazionale, ed è consigliabile visitarlo dalla tarda primavera all’inizio dell’autunno, quando si può anche ammirare l’incredibile flora e fauna che lo circonda.

admin

Invia il messaggio